Tag Archives: windnews

WindNews fa 30 anni

WindNews, storica rivista sul windsurf del nostro paese compie 30 anni e li festeggia col nuovo numero in edicola:

Cosa c’entro io? C’entro, c’entro perché WindNews è stato il primo a pubblicare i miei fumetti. Sabatelli Editore è stato il mio primo e indimenticato editore. Fabio, detto “smink“, boss della rivista, è stata una persona di rara correttezza e onestà e, assieme alla redazione tutta di WindNews, resterà sempre nel mio cuor.

Ma bando alle smancerie! Dopo aver visto le mie prime timide cose pubblicate su una newsletter (I.S.W.), smink mi propone il paginone centrale di WindNews, così d’emblée, era il gennaio 2005:

e il primo fumetto su quello storico – per me – numero, mi valse pure una mezza pagina sul Secolo XIX:

Nacque una collaborazione di circa 2 anni che mi permise di farmi conoscere, seppure nel ristretto mondo del windsurf nostrano, e di emulare il mio maestro indiscusso Massimo Chiodelli, in arte CHIOD, senza mai raggiungerne le vette. Egli aveva allietato per anni i surfisti italici con i suoi straordinari fumetti su altre riviste del settore, me compreso.

Dopo innumerevoli vignette e fumettazzi sul paginone centrale di WindNews ebbi l’onore e il piacere di illustrare il primo libro di Gianpaolo Cammarota – storico inviato dalle Hawaii della rivista:

In quel breve periodo ebbi anche l’emozione di essere riconosciuto sulle spiagge, quelle poche volte che riuscivo ad andarci, come un vero e proprio V.I.P.! Poi, un evento di cui non voglio parlare perché troppo privato, mi costrinse ad allontanarmi repentinamente dal surf e da WindNews per diversi anni.

Non tornai più a collaborare con WindNews. Come tutte le cose belle finite male – in questo caso per colpa del destino – preferisco tenerne lucido ricordo come una delle più divertenti e soddisfacenti avventure della mia vita fumettistica.

Hang loose WindNews! Grazie di tutto!

Onore al “maestro” Chiod

Ogni estate la “saudade” si fa sentire.

Forse si evince dai miei vecchi post/lavori e da quello che scrivo che sono (stato) un grande appassionato di surf/wind-surf. C’ho pure una foto “in azione” (moltissimo vecchissima! avevo 15 anni, non di più, ed ero alle prime “armi” ancora), tiè:

994774_10200514815647729_625781746_n

cryx – anno 1985, credo…

Ho smesso da tempo, come un drogato smette di farsi. E’ stata una sofferenza ma sono uscito dal tunnel e devo stare attento a non ricascarci. Troppa fatica, troppo complicato. Se vuoi essere un “surfista” devi nascere nel posto giusto. E “io non lo naqui, modestamente” (cit.). Oppure devi trasferirti nel posto giusto… e questo è un tasto che è meglio non toccare!

Questa estate, come ogni estate, l’antica voglia torna a fare capolino… ahimè!

In passato, per un periodo, riuscii perfino a far combaciare le mie due passioni: disegno e surf, pubblicando, per la prima volta, su una rivista nazionale. Uscivo mensilmente su WindNews, emulando addirittura il “mio maestro”! Tale Massimo Chiodelli, in arte CHIOD.

CHIOD – “il surfanatico” – Windsurf Italia n° 32 – marzo 1986

Confesso che a lungo mi sono ispirato a lui. Negli anni 80 impazzava sulle riviste di surf con le sue buffissime storie. Era molto famoso nell’ambiente. Ritagliavo le sue pagine e le mettevo da parte scopiazzando i suoi omini alla PAZ. Avevo persino il suo primo libro autografato “Ve lo do io il windsurf“, perso, ahimè, durante un malaugurato trasloco con allagamento della cantina. A me il CHIOD piaceva proprio.

CHIOD – libro: “Ve lo do io il windsurf”

L’ho emulato, anche se non sono minimamente paragonabile a lui – mi inchino – perché pubblicavo, come lui, vignette buffe sul surf su una rivista di surf. In quegli anni, purtroppo, CHIOD si era pressoché ritirato da quest’attività dedicandosi al suo lavoro principale (se deve pur magnà!). Che peccato, io l’avrei visto proprio bene come fumettista professionista.

La mia produzione surfumettistica è durata poco. Due o tre anni circa. La interrumpi quando chiusi col surf. Per non soffrire troppo. Un po’ mi manca e mi piacerebbe tornare a disegnare qualcosa sul surf, magari non da ridere. Ci sto pensando da tempo.

Di recente il fattaccio: ci siamo conosciuti io e CHIOD. Abbiamo persino fatto una tavola a 4 mani su WindNews. Per me è stato un grande onore anche se penso che il risultato non sia stato meraviglioso, causa il poco tempo a disposizione di entrambi e la cosa messa su alla meno peggio in brevissimo tempo. Che peccato, mi sarebbe piaciuto fare una roba più complessa e corposa “da ricordare”.

Insomma, in questo caldo agosto, complice la nostalgia per i bei tempi andati in cui planavo sulle onde, voglio rendere omaggio al “maestro”. Gli riconosco di aver avuto un influenza potente su di me, anche se non è una firma famosa e la sua produzione non è sconfinata. Grazie CHIOD.

Hang Loose.