Ma chi me l’ha fatto fare!

Considerazioni a caldo su Lucca Comics 2019 in ordine sparso:

  • essendomi, sinceramente, rotto le balle dei like e dei social in generale, volevo guardare in faccia la gente che sfogliava il mio libro. Ci volevo parlare, capire se funzionava. Ecco perché ho deciso di presidiare il più possibile lo stand di Sbam! (5 giorni su 5 anche se il penultimo ho capitolato dopo pranzo) che pubblicava e presentava il mio nuovo libro “La teoria del divano” (oltre a “Viviane l’infermiera”)… volevo godermela tutta, fino in fondo;
  • ho fatto decine di firmacopie e li ho fatti complessi, non semplici graffi. Ho tentato di fare disegni completi e ben fatti – per quanto fosse possibile farlo in quel casino, col tavolo tremolante, seduto su uno strapuntino – per sottolineare tutto l’impegno che ho messo nella realizzazione del fumetto;
firmacopie in una delle solite foto sfuocate del Pieri
  • la risposta della gente mi ha ricaricato le batterie che erano un po’ spompe ultimamente – sono mesi che non tocco una matita. La gente veniva colpita dalla copertina (segno che è stato indovinato il titolo e la forma della stessa), si avvicinava, sfogliava. La più parte delle volte rimetteva a posto il volume, spesso sorrideva – e io avevo brividi di soddisfazione – talvolta comprava;
  • la crew di Sbam! è stata eccezionale: un Fabio Folla (“Chi è Gomez“) in forma smagliante teneva banco animando lo stand e mordeva al polpaccio il potenziale compratore senza mollarlo, con una tenacia invidiabile; un grandioso Marco Natale (“Bacon“) mi ha mostrato come si disegna e mi ha fatto uno dei più bei complimenti che ho mai ricevuto (mi ha detto che ho il senso dell’animazione, del movimento e dei pesi! AWW); il grande Giorgio Sommacal (“Rapa Nui – l’integrale“) che è una persona squisita e divertentissima – oltre a essere un grande professionista – mi ha regalato un Cattivik coi controfiocchi; il mio socio Filippo Pieri (“Viviane l’infermiera“) che ormai è un amico vero, oltre che socio; e infine Antonio Marangi il boss di Sbam! che ha guidato l’orchestra di cialtroni (parole del Sommacal) da abile maestro;
Sommacal, Natale, Folla e cryx
  • a Lucca non ci torno più! Dopo questa volta, dopo questa ressa, dopo questa pioggia, non mi vedranno più! Lo dico ogni anno, questa volta è diverso però, perché di Lucca Comics non ho visto nulla ma ho passato 5 giorni allo stand, faticosi ma divertenti. In ogni caso non ci torno più!
  • Lucca è strutturalmente insufficiente a sostenere quella cosa che è diventata Lucca Comics & Games: linee ferroviarie a un binario solo, stazioni insufficienti con sottopassaggi troppo stretti, strade anch’esse troppo strette, troppe cose assieme: games, fumetti, film, cosplayers,… più i curiosi che generano code su code col risultato che paghi un biglietto salato per non riuscire a vedere niente per bene;
  • I gabinetti! Mancano i gabinetti cazzo!

Ma chi me l’ha fatto fare!

Adesso vado a nanna perché son cotto e domani si torna a lavorare!
Hang loose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.