Obbiettivi

Non mi sono mai posto degli obbiettivi precisi per la mia “attività” di fumettista. Nonostante abbia disegnato da sempre, circa 14 anni fa, ho cominciato a fare cose pubblicandole su internet e su riviste varie, un po’ a caso.

Ad oggi posso vantare alcuni libri umoristici e varie pubblicazioni, auto-pubblicazioni e collaborazioni. Facendo un bilancio, qualche tempo fa, pensavo: “mi manca di illustrare un libro per bambini, fare una striscia come si deve e realizzare una graphic novel seria, poi passo a fare corti animati”. Dunque, vediamo:

  • il libro per bambini è fatto (l’autore è Simon Matts, io ho curato le illustrazioni)

  • la striscia “The flippies” è in corso (co-auotre, come me, il buon Filippo Pieri che cura i testi)

  • e la graphic novel seria si farà… spero!

Poi mollo i fumetti, che tanto li leggiamo in tre, mi metto a studiare come si deve gli strumenti per l’animazione e ci rivedremo, dopo un po’ di tempo, su youtube.

Hangloose!

Tempo al tempo

Non  mi spaventano le sfide (artistiche). Anzi, mi piace mettermi in gioco e non adagiarmi mai sulle cose che mi riescono bene. Per questo mi lancio in cose che spesso m’incasinano la vita. Tipo questa:

di cui non posso, ovviamente, parlare. Il problema non è lanciarmi (nelle cose), il problema è trovare il tempo per fare (le cose). In questo momento sto portando avanti i “Flippies” con il mio socio Filippo Pieri, progetto a cui crediamo molto. Ho per le mani un soggetto (non mio) mooooolto interessante, che mi sta affascinando e per il quale sto facendo diversi concept design ed è, ovviamente, top secret! E poi quel cosino blu di cui potrò parlare solo più avanti.

Senza contare che ieri (1° Novembre) a Lucca Comics ho incontrato una persona che spero di risentire presto e con la quale spero possa nascere una fitta collaborazione. Lo spero davvero, perché trattasi di animazione e… fremo al pensiero!

Ma dove lo trovo il tempo? Dovrò pure dormire la notte … o no?

Hang loose!