Tag Archives: fumetto

Semplificare… lo stile

Chiunque tenti, come me (maldestramente), la via del fumetto si scontra fin da subito con un enorme problema: trovare il proprio stile.

Riuscire cioè ad esprimersi in modo originale. Dal vocabolario Treccani: “originale – agg. e s. m. Che non dipende o non è ispirato, suggerito da altri esempi o modelli, che non ha somiglianza con altre opere analoghe e ha quindi una sua novità, un suo carattere proprio…”

La via del trovare il proprio “stile originale” e una strada lunga e accidentata. Percorrerla è faticosa e, per farlo, devi per forza ispirarti a qualcosa. E’ normale. Devi evolverti, tentare, copiare, rubare … soffrire.

zc

vignetta del fumetto MACheAVVENTURA

Spesso vengo associato a Zerocalcare, nel senso che il mio “lavoro” (si fa per dire) si ispiri fortemente a lui. Confesso che Zerocalcare mi ha influenzato molto. Fin da subito i suoi fumetti mi sono piaciuti. Sono “sinceri”. Lui stesso in un intervista ha detto che mette se stesso dentro i suoi fumetti, seppure in modo romanzato. L’importante, come dice ZC è essere sinceri: verso se stessi e verso i lettori.

Ora: se raccontare quello che ti succede in chiave umoristica vuol dire copiare ZC allora il mondo è pieno di suoi emuli.

Intendiamoci: la cosa non mi offende affatto. Anzi, sono onorato. Per me ZC è attualmente uno dei migliori interpreti del fumetto italiano. E’ brillante, divertente, ironico. Talento cristallino, non c’è dubbio.

Ma io non mi sento ZC. Racconto anch’io bischerate ispirate dalla vita vera (la mia o di quelli che mi stanno intorno) naturalmente modificando, manipolando, romanzando. Il mio tratto è assolutamente lontano, lontanissimo da ZC. Il modo di raccontare pure – magari avessi quel talento!

LisaSimpson10Un amico professionista, con cui spesso – ahilui – mi confronto, ogni volta mi analizza (artisticamente) come uno psicologo. E c’azzecca sempre. Definisce il mio stile “simpsoniano” e, cito: “il tuo stile simile ai Simpson si dovrebbe basare ed evolvere sempre di più (come accadde con i Simpson) ad una semplificazione pulita ed efficace. A te non serve disegnare ‘troppi’ dettagli. Devi saper individuare quelli giusti”. BINGO! Mi hai beccato!

Sì, io non mi sento ZC, io mi sento più Simpson – alla faccia dell’umiltà! –  anche perché io sono attirato più dall’animazione che dal fumetto, in realtà.

Parola d’ordine: SEMPLIFICARE! Non mi piace il disegno realistico che trovo, scusate la presunzione, puro esercizio di stile (guarda come sono bravo a fare le anatomie) ma il disegno che sa esprimere, in pochi tratti, l’essenza. Non un segno di più. Caso mai di meno. Togliere, levare, semplificare. E’ un esercizio molto più difficile di rappresentare realisticamente la realtà.

La semplicità è bellezza. La bellezza è semplicità.

E’ lì che vorrei arrivare. Ne ho ancora di strada accidentata da fare…

Hang Loose