Tag Archives: fumetti

Il bestseller dell’esimio Professor Hansjurgen Spaltungebedeemayer

Potevo scordarmi di ringraziare il grande maestro Giorgio Sommacal? Certo che no! In un post precedente ho ringraziato il buon Antonio Marrangi, boss di Sbam!, apparentemente dimenticando il grande Giorgio (se non sapete chi è googolate un po’ o visitate il suo sito web!)

Invece no, volevo dedicargli un post appost(a)!

Tentare di fare fumetti in questi anni non mi ha certo portato guadagni, anzi. Però mi ha permesso di conoscere tanti professionisti, alcuni dei quali sono persone squisite come Giorgio. Per una ragione che ancora ignoro, egli apprezza molto le cose che faccio, compreso il libro “La teoria del divano“, appunto, che ha voluto pubblicare nella collana Sbam! Libri, dato che ne è il direttore artistico.

Forte di questa posizione privilegiata, mi son quindi fatto coraggio e gli ho chiesto di avere l’onore di una sua introduzione, o disegno, o qualsiasi cosa volesse apporre sul mio fumetto.

Ed ecco che mi sforna una brillante prefazione, divertente e scanzonata – come piace a me – di cui una frase campeggia in quarta copertina, con dotte citazioni di professori teutonici (vedi titolo del post), spendendo pure parole sul sottoscritto assolutamente immeritate.

Posso solo inchinarmi e ringraziare Giorgio per l’onore e il piacere di aver lasciato la sua gradita e divertente impronta sul mio umile, sgangherato fumetto.

Hang loose!

Piccoli fumetti crescono

Ridendo e scherzando ho realizzato quasi il 20% del mio nuovo fumetto, tutto mio. Almeno rispetto alla previsione di pagine che mi ero prefissato.

Non voglio svelare il titolo né tanto meno alcune tavole, per adesso. Dato che avevo già postato una porzione di tavola in “Miller style” qualche settimana fa, ribadisco con questo altro pezzetto che non porta nulla di nuovo.

Perché tutto questo mistero? Perché vorrei, per una volta, presentare un “prodotto finito”. Non so ancora se lo metterò sul web in forma di webcomic, se lo proporrò a un editore oppure se lo auto-produrrò come gli ultimi. Vedremo. Dipende da come esce fuori.

Perché, come al solito, vado a caso. Non ce la faccio proprio a scrivere una sceneggiatura dettagliata, né uno storyboard. Vado a braccio improvvisando vignetta per vignetta su una traccia più o meno raffazzonata. Ecco perché ho sempre accolto con sollievo le collaborazioni con sceneggiatori. Perché posso concentrarmi solo sul disegno. Che poi mica è vero: il mio socio Filippo Pieri (“Viviane l’infermiera” e “The Flippies“) e il mio nuovo misterioso socio “Z” (progetto “Z” e progetto “BB”) sanno bene che cambio e stravolgo le vignette, talvolta i dialoghi e le impostazioni delle tavole. Per fortuna entrambi hanno sempre accettato le mie improvvisazioni.

La cosa che mi consola è che nonostante le bastonate degli ultimi tempi – sì, confesso, purtroppo “Viviane l’infermiera” non va come speravamo, “The Flippies” è un po’ fermo per colpa mia e neppure le vendite delle mie auto-produzioni sono incoraggianti – quando trovo qualcosa di divertente (per me) da realizzare, ci trovo ancora gusto e procedo spedito. Persino una tavola la giorno (il formato è un po’ più semplice del mio solito e in bianco e nero).

Quindi, a meno che il fantomatico progetto “Z” non prenda vita all’improvviso (cosa che mi auguro), direi che in altri 4 mesi il mio nuovo fumetto, solo mio, sarà finito. The Flippies li ho messi un po’ in naftalina, per adesso e il progetto “BB” è lontano da essere impegnativo a livello operativo. E’ solo una grandiosa, magnifica e dannatamente complessa idea 😉

Hang loose.

Tempo di bilanci

Lo scorso anno usciva il mio libro

L’evoluzione della specie
cover

Tempo di bilanci: abbiamo venduto poco, molto poco. E’ pur vero che non abbiamo fatto alcuna promozione (a parte il mio blog, il banner fisso sulle pagine di Tom’s Hardware dedicate al mio webcomics settimanale, il sito dell’editore e le relative pagine FB e Twitter).

Per tirarmi su allora ho pensato che dal gennaio 2014 ad oggi – quasi tre anni tondi – ho pensato, scritto (escluso Dwayne) e realizzato ben 6 (7 con quello in lavorazione) fumetti completi (clik to read):

copertina  cover-cryx2  de-mac-4-bis

APPARENZA-INGANNA_001  sistemista-05  oscuro_003

che non è poco considerando che il più breve (Dwayne) è lungo 10 tavole e il più lungo (L’evoluzione della specie) ben 120 (l’unico in bianco e nero)! E bisogna pure tener conto che sono prodotti avanza tempo, la sera dopo cena e il sabato e la domenica (quando posso oppure quando piove).

Adesso che mi sono tirato un po’ su di morale, forse sabato prossimo faccio uscire la prima puntata del prossimo fumetto il settimo di questo triennio!

Hang loose.

L’evoluzione della specie – il libro

cover-cryx2L’evoluzione della specie

Autore: cryx
Editore: Edizioni Periscopio
Data pubblicazione: ottobre 2015
Formato: brossura – 130 pp 16×24 cm – B/N – copertina a colori
Genere: Fumetti
Pagine: 130
Prezzo: € 10,00
ISBN: 978-88-940744-3-7

 

 

Finalmente! Il mio primo libro! Per adesso non voglio dire altro e pubblico la recensione fatta dall’amico Valerio Porcu, redattore di Tom’s Hardware. E’ un po’ di parte, lo so, ma a me ha fatto tantissimo piacere.

“L’evoluzione della Specie di Cryx è prima di tutto un’opera autobiografica. Come tale è un guardarsi indietro, un inevitabile ripercorrere la storia recente, il rivivere cose che un po’ tutti abbiamo vissuto. Chi più e chi meno naturalmente, ma se siete almeno un po’ nerd (solo le ugly fashion victims dicono geek, sappiatelo) allora L’Evoluzione della specie è anche la vostra storia. Le tavole raccontano infatti di un protagonista in cui è facile identificarsi, sempre con lo scudo del “ah, ma questo è uno sfigato”. L’infanzia, i videogiochi, le ragazze, i computer, l’arte, il lavoro, la vita vera. Se fossimo ancora nel XIX secolo direi che L’evoluzione della specie è un po’ romanzo di formazione è un po’ satira alla Rabelais, con un tocco sfacciato che strizza l’occhio a Ratman, mentre con una mano nasconde gli albi di Schultz e quelli di Quino. Tante influenze ma nessuna dominante, tranne appunto la presenza dell’autore e un costante umorismo che riesce sempre a strapparti un sorriso – amaro qualche volta, e più di una risata. L’evoluzione della specie è prima di tutto Cryx, certo, ma siamo anche tutti noi, o almeno quelli che stanno tra Ritorno al futuro e The Big Bang Theory” – Valerio Porcu

Il libro sarà disponibile, a partire da ottobre 2015 nelle librerie e fumetterie nonché online sugli shop. Seguite il link per la lista degli shop.

A seguire il book trailer:

Hang loose!