Book trailer making of

Come promesso nel post di pochi giorni fa ecco il video del “making of” del book trailer animato del mio libro: “La teoria del divano“.

Ho messo insieme velocemente un po’ di dietro le quinte della realizzazione del piccolo corto animato che riporto di seguito:

  • storyboard: praticamente un foglio di quaderno con abbozzata l’idea del corto. Non sono bravo per organizzare il lavoro, vado quasi sempre d’improvvisazione sul momento;
  • animazione: ho usato il grandissimo Clip Studio Paint che uso ormai da qualche anno per disegnare i miei fumetti. Da qualche versione a questa parte hanno inserito nel software anche un modulo per fare animazione frame to frame (non assistita dal computer per capirci, devi disegnare ogni singolo frame);
  • disegni: ho contato 651 disegni di cui, buona parte sono molto semplici. Ogni frame dell’animazione è in realtà costituito da più livelli animati separatamente, buona parte dei frame sono colorati. Il numero totale di disegni è però molto superiore perché per ogni parte animata ci sono almeno due passaggi: l’animazione rozza o schizzata e l’animazione finale o clean up;
  • durata: il totale del video è pari a 59 secondi ma solo una parte è animata, ovvero realizzata con 24 frame per secondo – che poi avendo animato a passo due ho in realtà disegnato 12 frame per ogni secondo di animazione. Il resto del video è realizzato con effetti del software di editing video;
  • editing video: ho usato l’editing video di Blender, non perché fosse particolarmente avanzato, ma perché quel software mi affascina parecchio e vorrei cominciare a smanettarci. E dato che non riesco a imparare una cosa se non la uso per uno scopo, servendomi un video editor ho deciso di usare quello. Gli effetti – tipo la pellicola rovinata in b/n – sono realizzati con le funzionalità di tale applicazione;

Per quanto riguarda invece questo video, dopo aver renderizzato varie versioni delle animazioni (con o senza colore, con o senza sfondo, solo con le animazioni “rozze” e così via), ho montato tutto con un po’ di timing e testo sempre con l’editor video di Blender. Per cui la qualità non è eccelsa, ma dovrebbe rendere l’idea.

Hang loose!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.