Versioni economiche

Non sono certo la persona più indicata per parlare di editoria, però mi sono convinto di una cosa: nel mondo che cambia non solo le regole del copyright sono obsolete tanto quanto l’atteggiamento degli editori. Non potendo più contare sui numeri di vendita di un tempo sarebbe anche ora di rivedere il sistema: distribuzione e margine dell’editore troppo alto, di conseguenza margine dell’autore ridicolo che, su numeri bassi è quasi offensivo.

Forse è per questo che tanta gente, me compreso, si è rivola all’autoproduzione. Amazon KDP è un grande strumento, efficiente e facile da usare, non prevede alcun investimento in denaro e non devi firmare accordi vincolanti di nessun tipo.

Il costo della stampa però è alto come pure il margine di Amazon. Nonostante ciò quello che resta all’autore è maggiore rispetto al margine concesso dagli editori ordinari.

Il mio ultimo libro: “Trilogia della scimmia” è un volumetto, autoprodotto su Amazon KDP, di 90 pagine circa, tutte a colori. La stampa a colori è cara, molto cara. Pesa oltre il 50% sul prezzo di copertina di 14€, sul restante Amazon ci fa il suo bel guadagno. Ecco perché sono stato costretto a stare alto sul prezzo che, onestamente, non vale il volumetto. A quella cifra si trovano fumetti con copertina rigida con ben altra qualità di stampa.

Il faut faire avec“, tant’è. La stampa in bianco e nero (o meglio toni di grigio) invece è molto più abbordabile e quindi mi è venuta un’idea malsana: perché non farne una versione “economica”? Nessun lettore si sogna di cacciar fuori 14€ per uno sconosciuto come me. Manco io lo farei per la semplice curiosità di vedere com’è fatto il fumetto perché magari mi colpisce la copertina o il preview. Ma se il costo si abbassa a 5€ allora diventa ragionevole no?

Ecco quindi nascere “Trilogia della scimmia” versione economica in bianco e nero. Copertina altrettanto minimalista direi. Un esperimento. Vediamo come va.

Il costo è pari alla versione kindle, che però resta a colori. E’ il solito volumetto di 90 pagine circa, copertina colorata e interno bianco/nero/grigio. Non ho optato per una versione completamente in bianco e nero non tanto per il lavoro (enorme) di conversione, quanto perché il fumetto nasce a colori e togliere il colore per un puro bianco e nero non avrebbe funzionato. Dai test che ho fatto il risultato è decisamente migliore in toni di grigio che, tutto sommato, rendono abbastanza bene l’idea iniziale che prevede il colore come elemento essenziale.

Link a tutti i miei libri su Amazon: https://goo.gl/Pf7AdU

Hang loose

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.