OT: l’impeto e la passione

Per motivi legati alle mie produzioni fumettare degli ultimi anni (4 anni con Tom’s Hardware) ho parlato spesso della mia professione vera: informatico o, come la definisco nelle mie bischerate sistemista. E proprio in questi giorni post-vacanze facevo queste considerazioni tra me e me.

In passato, come informatico, più in particolare programmatore, ho fatto anche delle cose pregevoli che mi hanno entusiasmato e dato anche soddisfazione (mai economica) come SailPalm:

sailpalmlogo

il primo (e forse unico) sofware cartografico di navigazione GPS (bluetooth compreso) per palmari PalmOS. A quei tempi l’iPhone era molto lontano, il NOKIA imperversava e la cartografia di Google Maps era ancora utopia. Questa “cosina” (di cui vado molto orgoglioso) mi ha regalato varie citazioni in riviste internazionali di settore, un crack (cioè qualcuno si dette pena di crakkare il software) e una proposta di lavoro di una software house americana. E’ stata la “mia creatura”: realizzata al 100%, filiera completa, sito web e e-commerce compreso. Ovviamente non vi è più traccia in rete. Si trova solo sulla wayback machine di Internet archive.

All’epoca mi divertivo parecchio. Le sfide tecniche e tecnologiche le affrontavo con passione e entusiasmo in un misto di ricerca e pazzia. Poi, piano piano, questo lavoro è diventato burocràzia (va pronunciato con accento bolscevico, rende maggiormente l’idea) e adesso mi trovo sempre meno a occuparmi di tecnica e sempre di più di carta. Fogli su fogli: AVCP, linee guida, mercati elettronici, circolari, normative etc etc… BLEAH! (vomito).

Non mi piace più.

digitale-90

Ecco perché lo slancio, l’impeto, il fuoco si è spostata verso il disegno, antica passione. L’informatica mi ha tradito, non mi da più nessuna soddisfazione. E’ solo un lavoro.

Hang loose.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.