Anche i surfisti piangono

Era il titolo di un fumetto a puntate che sarebbe dovuto uscire su WindNews, storica rivista di WindSurf che ha ospitato, bontà loro, le mie vignette per qualche anno. A casa conservo ancora le tavole originali, in B/N, lettering rigorosamente a mano, vignette storte (disegnate male), un po’ alla ZeroCalcare insomma. Dico questo perché mi “accusano” sempre di copiare ZC, invece quando concepii questa roba penso che ZC fosse ancora un ragazzino che giocava con la PS. Apro un inciso: questa vicinanza presunta a ZC a me fa tantissimo piacere perché lo stimo moltissimo e per certi versi leggere i suoi libri ha sbloccato qualcosa in me, lo confesso. A parte qualche doverosa citazione però, credo di essermi sempre differenziato, o almeno ci ho provato, sempre. Chiudo inciso.

copertina del mio primo libro

Il fumetto “Anche i surfisti piangono” non vide mai la luce, non andai oltre quelle 4 tavole (pari a due puntate) perché non soddisfatto del prodotto. Capii che per fare una storia semi-autobiografica, possibilmente divertente, sul mondo del windsurf della domenica, avrei dovuto lavorare all’idea, pianificarla meglio. E quindi cominciai prendere appunti, che ho accumulato nel tempo.

Poi la collaborazione con WindNews cessò, io passai un lungo periodo di silenzio e questa storia rimase nel cassetto.

Tornato al disegno molti anni dopo con la collaborazione con Tom’s Hardware, a un certo punto mi venne la voglia di fare un fumetto lungo, da pubblicare a puntate, che ripercorresse la storia dei personal computer. Non trovando un idea giusta mi tornò in mente “Anche i surfisti piangono“. Il risultato fu applicare il format di quest’ultimo al fumetto sui personal computer. E nacque “L’evoluzione della specie“. Ecco il perché della sua copertina nel bel mezzo di questo post.

Lo considero, ad oggi, la miglior cosa che ho fatto. Quello che mi dispiace è che ha, in qualche modo, bruciato l’idea iniziale.

E adesso come la racconto la mia vita da surfista?

Hang loose!

2 comments

  1. Non vedo perché non concluderla comunque o rilasciare quantomeno le due puntate. Tanto per non vedere il lavoro “buttato”.
    Basta che ti prendi i tuoi tempi nel caso, non avendo scadenze la cosa verrebbe presa con molta più tranquillità. 😉

    1. Sono onestamente non presentabili. Quantomeno oggi. Le tengo per buone come idea di base, come test. Fare un fumetto sul surf è un’idea che accarezzo da tempo. Fin’ora non ho trovato lo stimolo giusto per partire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.